[cml_media_alt id='3559']etrex2[/cml_media_alt]Chi non ha un GPS per seguire la traccia del percorso potrà noleggiarlo tramite un servizio offerto dalla ASD Acua Bentu Terra. I modelli sono Garmin Etrex (come questo nella foto) e Garmin  Dakota. Queste le tariffe, da versare nell’importo esatto in contanti (non sarà possibile dare resto) al momento della consegna:

  • 120 km MTB. 20 €
  • 120 km ULTRA TRAIL. 40 €
  • 220 km. 30 €
  • 440 km. 45 €

Al momento della consegna (il venerdì sera prima della partenza o il sabato mattina entro un oraio che sarà comunicato prossimamente) sarà richiesta una cauzione di 60 €, che vi verrà restituita al momento della restituzione del GPS integro (non rotto). Sarà necessaria la prenotazione (scrivendo PRENOTAZIONE GPS nell’oggetto della mail), gratuita e senza bisogno di acconto, ma la prenotazione potrà avvenire soltanto dopo l’iscrizione. I GPS verranno forniti con già installata la traccia e i way-point del percorso scelto.

[cml_media_alt id='3560']etrex[/cml_media_alt]Montano batterie stilo (una coppia), non incluse, quindi chi noleggia il GPS deve portarle da sé. Per la 220 km e la 120 km MTB dovrebbero bastare 2 coppie (quindi 4 batterie), per la 440 km e per la 120 km ULTRA TRAIL consigliamo 3 coppie (quindi 6 batterie). Questo se si tratta di batterie nuove e di buona qualità, tipo Duracell, altrimenti la stima non vale più. Le batterie ricaricabili durano molto meno. Nel dubbio, esagerate con la scorta di batterie.

[cml_media_alt id='3564']etrex6[/cml_media_alt] [cml_media_alt id='3565']smartphone2[/cml_media_alt]

Il supporto per il manubrio (o per l’attacco manubrio, cioè per la pipa) è incluso nel prezzo.

Nel caso di uso per l’ULTRA TRAIL, non è fornito il supporto da braccio o da spallaccio.

E’ consentito usare lo smartphone come GPS ma è una soluzione che sconsigliamo. Oltre a tutti i problemi in termini di umidità, sporcizia, pioggia e urti, il consumo di batterie dello smartphone in funzione GPS è elevato, quindi dovreste fare numerose e lunghe prove per avere un’idea attendibile della loro durata. Se proprio volete usare lo smartphone come GPS portatevi un assortimento di power bank, di batterie di ricambio e il caricabatterie, che potrete collegare alla corrente nei check point dotati di energia elettrica, ovviamente stando fermi lì finché non sono cariche. Consigliamo anche una custodia a tenuta stagna in caso di pioggia.

Nel caso di progressione in un gruppo precostituito dall’inizio alla fine, non è indispensabile avere un GPS a testa, perché a un solo GPS (quindi alla sua traccia attiva prodotta come prova dell’intera percorrenza) possono essere associate più persone.