Ci aveva provato già l’anno scorso. Giorgio Spiga. A inserire questo tratto, peraltro sul percorso di tutte e tre le lunghezze. Insistevo per fargli cambiare idea ma opponeva una strenua resistenza. Inaspettatamente, alla fine lo convinsi e questo tratto fu eliminato. Mi costò a Marrubiu un po’ di birre che conosce soltanto lui e mi fece promettere che l’avremmo messo nel 2018. Promisi, tanto se ne dimentica, pensavo. Invece Giorgio non dimentica.
Così quest’anno vi tocca*, a tutti e a tutte.
L’ho ripercorso a fine febbraio. Effettivamente aveva ragione lui. Sono cinque minuti, anche meno, ed è un passaggio tra i dieci più belli di tutta la storia di MyLand. Comunque qualche bici ci passa, perché ho trovato un faro per terra (il proprietario si faccia sentire).

Siamo sotto un’alta parete rocciosa, quindi i GPS impazziranno per poi rinsavire appena sarete nuovamente in campo aperto, sulla sommità (a proposito, ultimi due giorni per iscriversi al corso GPS), in ogni caso seguite la scalinata e non avrete problemi. Per chi ci passasse di notte metteremo dei catarifrangenti per indicare il cammino.
Attenzione a non scivolare sul basalto, specie se bagnato, o sul muschio. Saggiate ogni passo. Buon divertimento.

* Italiano di Sardegna, per vi spetta.